Vieira, non Henry, è la scelta sensata per il lavoro USMNT

Patrick Vieira e Thierry Henry sono due degli ultimi nomi che circondano la posizione di capo allenatore con l’USMNT. L’ex Crystal Palace è stato esonerato venerdì dopo una serie di 12 partite senza vittorie. Quest’ultimo è un analista della CBS, ma in precedenza ha lavorato con Roberto Martinez nella nazionale belga ai Mondiali del 2022.

I legami di Thierry Henry con l’USMNT sono chiari. Ha menzionato sulla copertura della Champions League di Paramount + che è interessato al lavoro. Conosce giocatori e MLS e ha vinto i Mondiali da giocatore. Con una squadra così giovane, possono imparare dall’esperienza con cui pochi al mondo possono competere. È vero, le sessioni di allenamento di Henry non sono piene di successo.

Detto questo, Patrick Vieira è appena stato esonerato a causa di una scarsa forma fisica. Dodici partite senza vittorie hanno portato il Crystal Palace fuori dalla zona retrocessione. Il club è al 12° posto, sì, ma a soli tre punti dal Bournemouth, 18°. E nella Premier League inglese, dove soffre il Palace, gli Eagles non hanno affrontato una squadra sotto di loro in classifica nel 2023. Dopo una trasferta contro l’Arsenal il 19 marzo, il Palace ha giocato sei partite consecutive contro squadre con meno punti.

Fino ad allora, se c’è una situazione in cui l’USMNT sceglie un nuovo allenatore tra queste due icone francesi, la priorità dovrebbe andare a Patrick Vieira, non a Thierry Henry.

Perché Vieira ha più senso per l’USMNT di Thierry Henry

A parte il fatto che sia Thierry Henry che Patrick Vieira hanno avuto periodi lunghi e di successo all’Arsenal, entrambi hanno un background simile. Vincitori della Coppa del Mondo con la Francia che hanno trascorso almeno otto anni nel nord di Londra. Dopo aver passato del tempo in giro per l’Europa, entrambi sono finiti nella Major League Soccer. Henry era un giocatore dei New York Red Bulls. D’altra parte, Vieira ha esordito come allenatore con la squadra di New York City.

Successivamente, Henry ha aggiunto la gestione della MLS al suo curriculum con Montreal Impact. Sfortunatamente, il loro tempo nella gestione di questi club non è mai stato del tutto allineato. Vieira si trasferì a Nizza un anno prima che Henri arrivasse a Montreal.

Tuttavia, il fatto che siano entrambi inclusi nella Major League Soccer si adatta all’idea che qualsiasi allenatore in arrivo dovrebbe conoscere il sistema calcistico negli Stati Uniti. Ad esempio, Tony Meola ha affermato che l’USMNT dovrebbe assumere dall’interno della MLS per capire la mentalità di come funzionano le cose qui. Anche se sono passati almeno tre anni da quando entrambi sono riusciti nella MLS, apre alcune porte per confrontare le reciproche prestazioni.

Confronta i periodi MLS

Vieira ha avuto due stagioni e mezzo al timone a New York City rispetto a quella di Henry. Entrambi gli allenatori si sono assicurati un posto per gli spareggi di club in ciascuna di queste tre stagioni complete. Infatti, anche il NYCFC si è qualificato per i playoff dopo sei mesi a Vieira. Il metodo di qualificazione, tuttavia, varia notevolmente.

Vieira ha guidato una squadra del NYCFC che è sempre stata tra le migliori della MLS Eastern Conference. Il club è arrivato secondo in Oriente in ciascuna delle due stagioni complete di Vieira, ma è caduto nelle semifinali della conferenza entrambi gli anni. Quello è stato il primo tour di New York City. Henry si è qualificato ai playoff con il Montreal Impact Cannes quando il club è arrivato nono nella Eastern Conference. Questo è bastato solo per i turni preliminari, dove nei minuti di recupero.

Mentre i punti di Henry guadagnati a partita come allenatore erano 1,13 nella sua unica stagione, Vieira ha portato il NYCFC a 1,63 punti a partita.

Diversi livelli di successo

Il successo di Vieira al NYCFC è stato sufficiente per trovargli un lavoro a Nizza. Lì, ha trovato un successo misto. Il club è arrivato settimo nella sua prima e unica stagione della stagione, un miglioramento rispetto alla stagione precedente. Tuttavia, la stagione successiva ha visto Vieira esonerato all’inizio di dicembre. Ha perso cinque partite consecutive, di cui tre in Europa League. Quattro di quelle partite erano in casa.

Quando ho affittato Crystal Palace Vieira, è stata una storia simile. La prima stagione sotto Vieira, 2021/22, è stata buona, ma non eccezionale. Palace ha concluso la stagione 12 °, che è stato migliore del totale dei punti e due posizioni migliori rispetto a ciascuna delle due campagne precedenti. Anche se è stato un piccolo miglioramento. Il Palace ha anche raggiunto le semifinali di FA Cup, perdendo contro il Chelsea. Poi, proprio come al Monaco, il secondo anno di Vieira ha portato conflitti e alla fine il licenziamento.

Confronta le posizioni dei manager di Vieira in Europa con Thierry Henry. Henry è subentrato al Monaco a metà della stagione 2018/19, quando il club si è piazzato al 18° posto.Come allenatore per 20 partite, il Monaco ha raccolto solo 17 punti. In effetti, il Monaco è sceso in classifica al 19esimo posto, minacciando la retrocessione solo due stagioni dopo aver vinto la Ligue 1.

Ad essere onesti, questa è stata la prima volta che Henry ha gestito ai massimi livelli, avendo lavorato solo in squadre giovanili e ruoli di assistente prima di allora. Alla fine sarebbe tornato nella nazionale belga come assistente di Roberto Martinez.

Esperienza internazionale

A quel tempo con il Belgio, oltre al semplice riconoscimento del nome, potrebbe essere la differenza per Henry rispetto a Vieira quando si tratta di chi arriva come allenatore dell’USMNT. Henry era nello staff tecnico con il Belgio per la Coppa del Mondo 2018, Euro 2020 e la Coppa del Mondo 2022. Nonostante sia la “generazione d’oro” del Belgio, il terzo posto nella Coppa del Mondo 2018 è stato di gran lunga il momento clou. Le uscite anticipate nei tornei recenti hanno offuscato la relativa gloria che Martinez ha fornito in Russia.

Patrick Vieira non ama gli allenatori internazionali. E come giocatore, non c’è molta differenza tra i due. Forse Vieira potrebbe affermare in questa ipotetica argomentazione di aver effettivamente giocato nella finale della Coppa del Mondo del 1998, vinta dalla Francia. Henry è rimasto in panchina.

Il fatto che Vieira sia ora aperto al lavoro è una grande opportunità per gli Stati Uniti. L’aspetto di Vieira sarà diverso, leggermente paragonabile in termini di curriculum a Jurgen Klinsmann guardando i precedenti allenatori in rosa. Tuttavia, avere qualcuno con la statura di Vieira ai margini americani sarebbe una dichiarazione importante per una nazione calcistica in crescita.

Foto: IMAGO/Panoramica

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *